Fino al 29 marzo la mostra “Trekking urbano” sarà visibile presso il palazzo della Borsa in piazza De Ferrari a Genova. L’iniziativa è promossa dall’ associazione culturale La Maona e nasce da una precedente esperienza sul tema del trekking “Un week a Genova”, ripercorrendo un analogo percorso attraverso la città, in collaborazione con Pda – Giovani Architetti, Giovani Confindustria, Giovani Assedil ed è affiancata da sei convegni a cui parteciperanno le autorità cittadine, tra cui il sindaco Marta Vincenti, il presidente della camera di commercio Paolo Odone e il presidente dell’autorità portuale Luigi Merlo.

Alla mostra hanno partecipato cinque studi di giovani architetti (goagroup, grooppo.org, gasp, gosplan, gallarati architetti) con cinque progetti per la città, con un itinerario di arte e riqualificazione che punta a connettere Genova est con Genova ovest e dalla Val Bisagno fino a Di Negro e Sampierdarena.

Il progetto che vi propongo riguarda la ristrutturazione del Mercato Orientale di XX Settembre dello studio di architettura grooppo.org:

“Attestato in percorso codificato, snodo tra nuovi assi, il progetto di queste tre piazze interpreta la vocazione, tutte genovese, alla sovrapposizione di elementi per offrire ai suoi abitanti inediti spazi pubblici.

La piazza del mercato, circondata dal porticato ma liberata dal volume centrale, acquista una nuova continuità spaziale che porta l’utente ad attraversare uno spazio continuo attraverso i banchi, sino a trovarsi sotto il grande occhio della piazza alta che, grazie alla copertura vetrata proietta, proietta un cerchio di luce sul sottostante mercato.

La piastra con il grande occhio può accogliere diverse funzioni: un nuovo stato del centro commerciale, un polo commerciale indipendente, una funzione speciale come centro fitness, un sistema di coltivazioni in serra.

Il piano secondo l’edificio è direttamente collegato alla piazza alta in modo da dare a questa , oltre le risalite all’interno del mercato, un collegamento verticale su via XX Settembre. Questa sovrapposizione di spazi favorisce una mixitè funzionale ampliata anche dalla possibilità di inserire al piano nobile del palazzo uffici e al terzo piano residenze.

Il collegamento tra le piazze è sia fisico che formale: il nuovo disegno della pavimentazione di piazza Colombo, il cerchio, si lega al grande vuoto della piazza alta.” tratto dal Catalogo Mostra.

Grooppo.org:

Elisa Cagelli, Matteo Casari, Giulia Gaggero, Paolo Molini e Davide Servente

Giovani Imprenditori edili:

Edoardo Milici

A seguire vi presento i due render che ho elaborato per lo studio Grooppo.org


Creative Commons License
This opera by Stefano Conradi is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.