Dopo avervi descritto l’offerta della 3 per iPad, vi segnalo che dal 28 maggio sono aperte le prenotazioni consegna sullo Store italiano Apple. Sono disponibili i principali accessori, tra cui: dock con tastiera, connettore Usb e adattore SD, custodia originale ed AppleCare che estende la garanzia e il supporto.

[starrater tpl=10]

I prezzi di vendita ricalcano quelli annunciati: da 479 a 799 euro, variano a seconda della presenza o meno del modulo HSDPA per la connessione in rete cellulare. Se volete sfruttare l’offerta della 3 per rimanere connessi ovunque voi siate, dovrete rivolgervi al modello con Wi-Fi + 3G che si posiziona tra le 599 e 799 euro per il modello con 64 GB di spazio di archiviazione.

In sintesi l’iPad cosa vi permette di fare: esplorare siti web, aprire album di foto con un tocco, leggere e-mail  con la visualizzazione a schermo diviso e scriverle con l’ampia video tastiera, guardare video con YouTube ridisegnato, usufruire delle migliaia di applicazioni create appositamente per iPad e delle 150.000 per iPhone, sfruttare la suite iWork per creare presentazioni, scrivere documenti, brochure e fogli di calcolo e orientarvi in giro per il mondo con le mappe di Google (iPad con Wi-Fi individua la tua posizione in base agli hotspot Wi-Fi, mentre il modello Wi-Fi + 3G usa il Wi-Fi, il GPS e i ripetitori cellulari).

Dal sito on line  si apprende che la consegna avverrà a partire dal 28 maggio, quindi dall’ultimo venerdì del mese. Il numero massimo di iPad che si possono acquistare per singolo ordine e singolo cliente è due.

Le principali differenze che contraddistinguono l’iPad rispetto al fratello minore, l’iPhone, sono nelle specifiche hardware: processore più potente da 1 Ghz, schermo più ampio da 9.7 pollici e assenza di fotocamera.

Vi ricordo che i modelli di iPad con Wi-Fi + 3G necessitano di una mini Usim disponibile presso i gestori telefonici, o se possedete un minimo di manualità tentate questo ottimo tutorial “Come convertire una SIM ad un MicroSIM con una mannaia da macellaio!” del creativo John Benson… ma fate molta attenzione!